Uomini e DONNE di Asso

Loading...

sabato 11 marzo 2017

Leggi e diffondi.. se puoi! Grazie...

www.acraccademia.it 


Riceviamo: Incredibile! Grazie Teo... 
Lezioni in aule separate ed esami in più per gli stranieri. Una finta circolare ministeriale ricrea, seguendo pulsioni e richieste degli xenofobi, un'esperienza simile a quella delle leggi razziali del 1938 e tra i ragazzi della scuola media Pertini di Vercelli scatta la protesta. Ma si trattava solo di un esperimento.

Quando l'altro giorno i professori l'hanno letta nelle cinque classi di terza della scuola c'è stata una mezza rivoluzione: la direttiva imponeva che i venti ragazzi con almeno un genitore straniero (tutti informati dell'esperimento prima che venisse realizzato) smettessero immediatamente di seguire le lezioni con i loro compagni e poi a giugno facessero due esami in più, uno “per dimostrare la conoscenza della lingua” e l'altro “la cultura italiana”. Ma tutti, o quasi, si sono opposti.

C'è chi ha impedito fisicamente che i compagni lasciassero l'aula, chi ha chiesto di andare con loro in quella dove sarebbero stati segregati e chi ha iniziato da subito a protestare, chiamando la preside, che era a casa malata, e cercando di mettersi in contatto con gli studenti di altre scuole per capire se stesse accadendo lo stesso.

La simulazione, progettata dalle professoresse Patrizia Pomati e Carolina Vergerio per il percorso didattico verso la Giornata della Memoria alla Giornata dei Giusti di oggi, non è andata avanti a lungo, ma quanto è bastato per precipitare i ragazzi in uno dei periodi più bui della storia italiana: “L'esperimento è andato benissimo. Ci aspettavamo ovviamente una reazione, ma non della portata di quella che c'è stata – racconta, Ferdinanda Chiarello, la preside dell'istituto comprensivo di cui fa parte la Pertini – Forse se ci fosse stata una reazione così forte anche allora le cose sarebbero andate diversamente”.

Ai ragazzi è stato poi chiesto di raccontare su post-it quali sensazioni hanno provato durante l'esperimento. “ Mi sono sentito uno schifo perché non mi ritengo superiore ai miei compagni”, ha scritto su uno dei foglietti uno studente, mentre uno di quelli discriminati ha aggiunto: “So che se succedesse veramente i miei compagni si ribellerebbero e mi aiuterebbero”. Tra i ragazzi si era anche ipotizzato di scrivere al ministero dell'Istruzione per protestare contro la circolare: “La nostra è una scuola dove si cerca di fare educazione all'accoglienza e alla tolleranza
 fin dalla materna e il risultato di questo esperimento è confortante”, aggiunge Chiarello.

Oggi gli studenti si sono ritrovati per piantare due nuovi alberi da dedicare a due “giusti” nel giardino della scuola, uno a Janusz Korczak, lo scrittore e pedagogo polacco morto a Treblinka, l'altro a Faraaz Hussein, lo studente di Economia musulmano che nel luglio 2016 morì nell'attentato dell'Isis a Dacca per non lasciare sole le sue due amiche.
a cura di www.acraccademia.it 










Nessun commento:

Posta un commento